Saturday, August 27, 2005

The cut runs deep.

Seconda traduzione, pessima come la prima, ma di una canzone molto piu' significativa, The cuts Runs Deep, da Slaves and Masters, Deep Purple 1990.

Il tuo dito e' sul grilletto,
I tuoi occhi freddi prendono la mira
mi hai sparato un colpo al cuore.
Lascia volare le pallottole,
ma dimmi solo se una di loro porta il mio nome

E il cuore spezzato?
E il vuoto dentro?
Non e' che se ne va girando il coltello
Quanto posso sanguinare?
La ferita e' profonda

Non posso trovare salvezza,
Non posso trovare alcun tocco benefico:
Uno straniero nei tuoi occhi implora pieta'
Ti voglio, ti voglio troppo

E il cuore spezzato?
E il vuoto dentro?
Non e' che se ne va girando il coltello
Quanto posso sanguinare?
Post a Comment