Friday, July 15, 2005

Papa Potter.

Se il Papa (anche quando non sapeva di essere papa) si sia messo a leggere Harry Potter non mi importa. Che l'abbia scritto a una critica letteraria m'importa ancora meno.

Ma perche' le abbia dato il permesso di pubblicare i suoi commenti ("perché le sue [di Harry Potter] sono sottili seduzioni, la cui azione è inconscia e per questo profonda nel distorcere la cristianità nell'anima, prima che questa possa crescere propriamente."), col risultato di far passare la Chiesa per bigottona rimane un mistero. Della Fede.

2 comments:

Cri said...

Sinceramente, tra bigottismo e buonismo preferisco di gran lunga il primo. Quantomeno perchè obbliga a riflettere e a prendere una posizione, opinabile sì, ma non ambigua.

biro said...

per la serie "inquisizione, my old friend".