Sunday, June 26, 2005

No ma che palle.

Leggo oggi su La Stampa di Venerdì in un bell'articolo "Il nome di Tacito circolava su internet già da diversi giorni", e mi chiedo se chi ha scritto quell'articolo abbia circolato su internet anche solo per pochi minuti prima di scrivere. Avrebbe visto un delirio, tutti che dicevano la loro, io ho un parente che pulisce i bagni al Ministero, mia nonna si chiama Letizia, mio cuggino è lo zio del fratello di quello che fa i pdf per istruzione.it eccetera.

"Circolavano" i nomi di tutti, Quintiliano, Cicerone, persino Seneca e Vitruvio, tanto per citarne due che era davvero impossibile che ci fossero. Quindi basta dire che si sapeva, non è vero (purtroppo). E basta dire che la versione era difficile, che non è vero (per fortuna).

E basta dire che la traduzione era su Studenti.it alle 8:31. C'era sì, ma era sbagliata. Non del tutto, ma un po' si (e infatti l'ho anche scritto sotto, in quel casinatissimo forum). Id est: Vagis stellis andava tradotto "pianeti", al limite "astri", non ci vuole una laurea in lettere classiche per leggere il dizionario. E la traduzione su La Stampa per quanto bella è talmente libera che chiunque ne avesse fatta una così prenderebbe o 10 (con un insegnate illuminato) o 2 (con un insegnante normale). Eddisciamolo.
Post a Comment