Wednesday, June 22, 2005

Maturita', Italiano.

Italiano andata. Bene/male/boh. C'è però da fare i complimenti alla Letizia: Dante è una gran bella analisi del testo. Gran bella. E il passo scelto, quello del canto XVII del Paradiso ("temo di perder viver tra coloro quelli che questo tempo chiameranno antico") è uno dei più interessanti. Si, non l'ho fatta, perchè odio le analisi del testo, ma era una gran bella traccia. Poi leggiamo la lettera della Letizia e ci viene il dubbio che l'abbia scelto davvero lei Dante: sarebbe la dimostrazione che anche conoscendo il Paradiso è possibile concentrare in un a4 tutte quelle banalità.

Per le altre avrei un filo di riserve, molti documenti erano davvero poco felici, poco attinenti, troppo banali o poco interessanti: quello sulla libertà, ad esempio...il colloquio alle porte Scee, ma anche Manzoni...ma sono documenti che vedreste utilizzati in un'articolo di giornale? Quello sulla fisica era molto stimolante, peccato non aver nessun documento!

Io ho fatto il viaggio, uno dei più accessibili, per togliermi la soddisfazione di renderlo inaccessibile. La tesi proposta era che la vita è un viaggio e che il viaggio è metafora di vita: io ho detto no, non sono d'accordo, per questa e questa ragione. Ho poi parlato del "male di vivere" come nostalgia (da νόστος + άλγος, "male del viaggio"), per il gusto di far vedere che due parole di greco le ho imparate...vedremo, piacerà?
Post a Comment